News

NUOVO CONTO TERMICO

 

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 51 del 2 marzo 2016 il Decreto interministeriale del 16 febbraio 2016 (scaricabile al link http://www.anit.it/norma/nuovo-conto-termico-2016/riguardante l’aggiornamento della disciplina per l’agevolazione di interventi di piccole dimensioni atti ad incrementare l’efficienza energetica e la produzione termica da fonti rinnovabili.
Le novità concernono: l’innalzamento delle soglie massime dell’incentivo economico previsto, la predisposizione di un catalogo di prodotti di mercato idonei e pre-qualificati per l’accesso al meccanismo attraverso una procedura quasi automatica di riconoscimento.
L’entrata in vigore è attesa per il 31 maggio 2016, ovvero 90 giorni dopo la sua pubblicazione.


IN EMILIA ROMAGNA CAMBIA IL SISTEMA DI ATTESTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

La Giunta E.R. ha adottato la delibera del 7 marzo n. 304 che, a partire dal 1° aprile 2016, introduce l’obbligo di corrispondere un contributo di € 15,00 contestualmente alla registrazione di ciascun attestato nel sistema Sace: il versamento sarà possibile con modalità online, tramite piattaforma PagoPA.
Dalla medesima data, inoltre, l’Organismo regionale di accreditamento avvierà il controllo della conformità degli APE registrati, anche ai fini dell’irrogazione delle sanzioni amministrative previste dalla normativa nazionale vigente in materia, le quali possono variare dai 700 ai 4.200 euro.

ORA IL PROGETTISTA DIVENTA IMPRENDITORE

 
Stando ai vecchi leoni del mestiere, gli scenari cambiano rapidamente, al punto che oggi la preparazione astratta non basta. Serve spirito d’iniziativa, mentre crolla la domanda da parte di costruttori ed enti pubblici, negativo anche il mercato legato alla clientela privata non residenziale. I neolaureati sanno che in media guadagneranno 15mila euro l’anno e che l’Italia ha un terzo degli architetti d’Europa. Il bisogno, però, aguzza l’ingegno: già dall’atteggiamento nei cantieri (idem negli studi), le nuove leve dimostrano lucidità e consapevolezza. Non è più l’epoca nella quale il pezzo di carta garantiva impiego, prestigio.
Si rimboccano le maniche, con determinazione ed idealismo puntano sulla valenza culturale della professione per cogliere opportunità/sviluppi. La scarsa remunerazione non intacca la convinzione di poter migliorare la qualità delle città, degli edifici, della quotidianità delle persone.
Le possibilità lavorative spaziano dall’edilizia all’arredamento di interni, dall’allestimento di esercizi commerciali alla grafica, dal retail design alla ricerca. La vocazione è il mondo, la carta vincente l’elasticità. Collaborano in rete a progetti “global”, laddove lo stile italiano è marchio ambito.
Come per l’Expo, in cui la progettazione dei padiglioni diventa prospettiva di commesse nei cinque continenti. Palestra e vetrina globalizzata per cogliere chances che rappresentano invece barriere per altri comparti.

SISTEMA AFFIDABILITA’ LEGNO EDILIZIA
 

ECCO IL BUILDING MANAGER
 
Cassa geometri e Consiglio nazionale a braccetto per valorizzare il ruolo di una categoria di tecnici universalmente riconosciuta fra le più informatizzate, oltre che dalla forte attrattiva per le nuove generazioni (soprattutto al femminile).
E’ necessario, infatti, lavorare per munire gli iscritti, presenti e futuri, degli strumenti adeguati per stare sul mercato.
Una delle strade da seguire risulta quella di dotare i professionisti del settore di quante più competenze di livello possibili, tali da passare per esempio da una semplice amministrazione di condominio ad una gestione attiva degli immobili/fabbricati, con l’opportunità così di specializzarsi nel campo d’interesse.
Da qui, l’esigenza di organizzazioni strutturate in grado di competere con concorrenti esteri e fornire servizi integrati ad un numero elevato di utenti.

MISURE RIVOLTE AL SETTORE PRIMARIO
 
Ecco alcuni degli interventi varati dall’esecutivo ed in attesa di ufficializzazione:
  • innalzata dal 12 al 15% l’aliquota per le transazioni di terreni agricoli quando non destinate a coltivatori diretti ed imprenditori professionali di categoria, mentre raddoppiate le imposte sostitutive inerenti alle operazioni di cessione (4%);
  • sul piano della tassazione, tutte le produzioni energetiche fino a 2,4mln kilowattora annui e fotovoltaiche sino a 260mila kwh/anno si considerano fruttifere di reddito agrario.

PIENO DI TAGLI PER L’AGRICOLTORE PROFESSIONISTA
 
In base al disegno di legge di Stabilità, il prossimo anno l’imprenditore agricolo non dovrà più pagare l’Irap, l’Imu sul terreno (sia esso montano, collinare o pianeggiante), né la Tasi sull’abitazione principale.

BONUS RISTRUTTURAZIONI 

Secondo quanto previsto dalla nuova manovra finanziaria del Governo, nel 2016 la detrazione resta al 50% sui lavori di recupero edilizio ed al 65% per il risparmio energetico, abbattendo così l’Irpef che i dipendenti sono tenuti a versare all’Erario.


10_ott 2015-19


09:10:2015

Annunci

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...